©2006.02.19

l'autonomia amministrativa: appunti di storia locale

vincenzofreda.it

home chi sono appunti di storia locale
Libertà l’ho vista dormire nei campi coltivati a cielo e denaro
a cielo ed amore, protetta da un filo spinato
libertà l’ho vista svegliarsi ogni volta che ho suonato
per un fruscio di ragazze a un ballo, per un compagno ubriaco

La stagione dell'autonomia come "età dei lumi"
[©2005]


In un celebre saggio del 1874 un noto filosofo tedesco, in risposta al quesito “che cos’è l’illuminismo”, scriveva: “L’illuminismo è l’uscita dell’uomo dallo stato di minorità che egli deve imputare solo a se stesso. Minorità è l’incapacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro”. Questa è in pratica la condizione dell’uomo sottomesso ad un potere esterno che nega all’individuo la libertà di disporre di sé e il diritto-dovere di usare la propria intelligenza. In senso lato, l’illuminismo si propone di rischiarare la mente degli uomini per liberarla dalle tenebre dell’ignoranza e della superstizione, alimentate da chi detiene il potere per tenere facilmente soggiogato il popolo. Sotto questo aspetto, la lotta illuministica per l’emancipazione intellettuale diviene anche lotta di emancipazione politica, cioè conquista dell’autonomia.

Autonomia significa “governarsi da sé” e, in ambito politico, indica la capacità dell’uomo di dare a se stesso la legge, senza derivarla da altro. Perciò, l’autonomia è la forma giuridica in cui un popolo esercita pienamente la propria sovranità. Senza voler sembrare irriverenti e consapevoli delle evidenti differenze, siamo convinti che anche Cellole abbia vissuto la sua “età dei lumi” che è coincisa con la seconda metà del secolo scorso in cui si è fatta strada l’idea dell’autonomia comunale.

Di questa autonomia, di cui oggi siamo tutti beneficiari, alcuni furono protagonisti allora con più coraggio e più lungimiranza. Riconoscere i torti e le ragioni di quegli anni, di quelle controversie, non vuol dire riaprire ferite che sono e debbono essere in gran parte rimarginate. Vuol dire, più semplicemente, cercare di costruire il futuro su una visione più equa e più giusta.

Nel 1975 Cellole si è avviata lungo un percorso di crescita e di sviluppo che in questi trent’anni ha potuto consolidare e rinnovare, grazie all’impegno e al senso di responsabilità di tutti.

Sta a noi e alle nuove generazioni l’imperativo morale di non tradire il sacrificio di chi, da una parte e dall’altra, con un’intensa passione civile e politica ha condotto questa eccezionale battaglia di civiltà e democrazia, fondamentale per la trasformazione e il progresso della nostra comunità”.

Appunti di storia locale


Tappe del processo di autonomia comunale

Racconti della memoria
[raccolta di testi degli alunni della scuola media]

La fondazione del centro urbano e l'origine del toponimo

Profilo urbanistico del centro abitato e analisi del terrritorio

Dinamiche economiche e demografiche dal 1975 al 1997

I servizi alla persona dal 1975 al 2004