home chi sono archivio progetti socio-assistenziali area dipendenze
Chi non fa niente è
complice della violenza e della vergogna
chi agisce con coraggio
riconosce un diritto e una realtà

vincenzofreda.it

since ©2006.02.19
Il mito di Anteo

[presentato ai sensi della LEGGE N. 45 DEL 18.02.99 – RICHIESTA DI FINANZIAMENTO PROGETTO A VALERE SUL FONDO NAZIONALE DI INTERVENTO PER LA “LOTTA ALLA DROGA” PER L’ANNO FINANZIARIO 2000 DELLA REGIONE CAMPANIA
[data di presentazione 27.11.2001]


Sezione 1: Dati generali del progetto

1.1 Titolo del progetto:
"Il mito di Anteo"

1.2 Settore di intervento:
Prevenzione

1.3 Durata del progetto:
Mesi dodici

1.4 Tipologia del progetto:
Progetto nuovo


Sezione 2: Soggetti partecipanti

2.1 Soggetto promotore

Nome: COMUNE DI CELLOLE

2.2 Altri soggetti partecipanti al partenariato

Nome: Khorakhanè a.r.l.
Tipologia dell'Ente: Privato – Cooperativa sociale



Sezione 4: Descrizione del piano di attività generale del progetto.

4.1 Indicare i gruppi di bersaglio.

Tipologia gruppo bersaglio adolescenti e giovani con problematiche psico-sociali

  • n. dei soggetti destinatari circa 60 (sessanta)
  • luoghi/contesti per contatto gruppo bersaglio strada e luoghi di aggregazione

Tipologia gruppo bersaglio Famiglie a rischio e multiproblematiche

  • n. dei soggetti destinatari circa 80 (ottanta)
  • luoghi/contesti per contatto gruppo bersaglio Domicilio e quartiere

Tipologia gruppo bersaglio giovani e adulti con disturbo alcolico

  • n. dei soggetti destinatari circa 70 (settanta)
  • luoghi/contesti per contatto gruppo bersaglio Famiglia e territorio

Tipologia gruppo bersaglio popolazione studentesca

  • n. dei soggetti destinatari n. soggetti circa 400 (quattrocento);
  • luoghi/contesti per contatto gruppo bersaglio Scuola

Tipologia gruppo bersaglio operatori sanitari, sociali e formatori:

  • n. dei soggetti destinatari circa 40 (quaranta)
  • luoghi/contesti per contatto gruppo bersaglio ambulatori, scuole, servizi sociali, parrocchie, associazioni

4.2 Effetti attesi: definizione qualitativa.

Sul piano qualitativo i risultati che si intendono ottenere sono legati all’innovatività delle azioni d’intervento in relazione al target differenziato di utenza a cui sono dirette. Più in particolare:

• Aumentare il livello di conoscenza e di informazione sulle sostanze psicotrope e sui loro effetti.
• Aumentare la conoscenza sugli effetti degli alcolici.
• Favorire l'autonomia individuale e la crescita psicologica degli adolescenti.
• Inquadrare e affrontare situazioni di marginalità e di malessere individuali e familiari, che possono evolvere verso disturbi della dipendenza.
• Preparare gli operatori sanitari, scolastici e sociali presenti sul territorio a migliorare la loro capacità di gestione delle tossicodipendenze e delle famiglie multiproblematiche.
• Offrire la possibilità di recupero sociale alle fasce deboli, attraverso l'uso di sistemi di comunicazione e espressione creativi e ludici.

4.3 Effetti attesi: stima quantitativa.

In relazione al target differenziato dell’utenza, sul piano quantitativo si prevede di ottenere:

• Riduzione del 20% della popolazione che usa sostanze.
• Partecipazione alle attività del progetto pari al 50% della fascia adolescenziale/giovanile contattata.
• Riduzione dei disturbi socio-familiari, nel gruppo bersaglio, pari al 60%.
• Aumento degli elementi indispensabili di valutazione del disagio, tra gli operatori socio-sanitari, e partecipazione degli stessi alle attività sviluppate pari all'80%.

4.4 Indicare la metodologia e gli strumenti che verranno applicati.

- Colloqui individuali e familiari.
- Lavoro da strada.
- Corsi di formazione.
- Preparazione del materiale divulgativo e somministrazione dei questionari.
- Centro di ascolto e orientamento.
- Concertazione con le organizzazioni attive di volontariato e l’ASL.

4.5 Indicare interlocutori/agenti di cambiamento che si intende coinvolgere nella realizzazione del progetto.

Medici di base, docenti referenti in ogni scuola del territorio, associazioni di volontariato, gruppi sportivi.


Sezione 5. Descrizione del piano specifico delle attività del progetto svolte da ciascun Ente.

Ente: Comune di Cellole.

5.1 Descrizione delle attivita` (singole azioni).

- consulenza scientifica, coordinamento e controlli sulle attività contemplate nel progetto;
- formazione personale impiegato;
- supervisione sulla produzione e distribuzione del materiale informativo.
- consulenza ai singoli o alle famiglie che si rivolgono al centro.


5.2 Personale necessario per lo svolgimento della suindicata attività:

1 Psicologo Elevato Specifico-dip. SER.T 10 ore+2 di formazion Convenzione
1 Medico Elevato Specifico 10 ore + 2 di formazione Libero professionale


5.3 Risorse materiali e strumentali.

- Materiale cartaceo e di cancelleria
- Materiale di promozione e divulgazione (libri, depliants, ecc.)
- Arredo per il centro di consulenza (scrivanie, armadi, sedie, linea fax)
- Materiale sanitario essenziale (profilattici, siringhe autobloccanti).


Ente: Khorakhanè a.r.l.

5.1 Descrizione delle attivita` (singole azioni).

- centro di informazione dove afferiscono tutti i cittadini interessati.
- centro di consulenza dove vengono presi in carico i singoli o le famiglie problematiche.
- interventi nelle scuole con cadenza settimanale.
- organizzazione di attività di animazione relazionale e sociale sul territorio.
- creazione di laboratori espressivi e creativi.
- lavoro da strada e di contatto con le realtà del paese



5.2 Personale necessario per lo svolgimento della suindicata attività:

1 Ass.Sociale Elevato Specifico con tirocinio in strutture per tossicodipendenti 10 ore Libero professionale
2 Animatore/operatore di contatto Medio Specifico 10 ore Coordinata e continuata
1 Operatore telefonico Corsi di formazione Non specifico 10 ore Coordinata e continuata


5.3 Risorse materiali e strumentali.

- Materiale cartaceo e di cancelleria
- Materiale di promozione e divulgazione (libri, depliants, ecc.)
- Arredo per il centro di consulenza (scrivanie, armadi, sedie, linea fax)
- Materiale sanitario essenziale (profilattici, siringhe autobloccanti).




Sezione 9: Preventivo economico.

Ente: COMUNE DI CELLOLE

Voce di spesa anno 2000

Personale

  • Coordinamento Totale ore 416 x 40.000 orarie = Totale coordinamento 16.640.000
  • Consulenze/supervisioni Totale ore 208 X 40.000 orarie = Totale cons./superv. 8.320.000
  • Totale personale 24.960.000

Spese di gestione

  • Locali Totale 5.000.000
  • Materiali di consumo Totale 2.000.000
  • Spese amministrative Totale 3.500.000
  • Totale gestione 10.500.000

Spese di materiale sanitario

  • Profilattici-siringhe autobloccanti 3.000.000
  • Totale materiale sanitario 3.000.000

Altro

  • Formazione personale 10.000.000
  • Totale altro 10.000.000



Ente: Khorakhanè a.r.l.

Voce di spesa anno 2000

Personale

  • Consulenze/supervisioni Totale ore 208 X 40.000 orarie = Totale cons./superv. 8.320.000
  • Operatori totale ore 2.400 x 24.000 orarie = Totale operatori 48.000.000
  • Totale personale 56.320.000

Spese di produzione e divulgazione materiale

  • Depliant-libri 5.000.000
  • Totale materiale divulgativo 5.000.000

Altro

  • Attività di socio-animazione 12.000.000
  • Totale altro 12.000.000


RIEPILOGO

TOTALE PREVENTIVO PER SINGOLO UTENTE

  • Ente: COMUNE DI CELLOLE 48.400.000
  • Ente: KHORAKHANE’ a.r.l. 73.320.000

Totale complessivo progetto 121.720.000


postato il 5 gennaio 2010 |